Suggerimenti
View all results

IT'S MORE THAN JUST OIL. IT'S LIQUID ENGINEERING.

  1. HOME
  2. LA STORIA DI CASTROL
  3. CENTRO NOTIZIE
  4. COMUNICATI STAMPA
  5. RENAULT F1® TEAM

RENAULT F1® TEAM

Renault F1® Team

Renault F1® Team affronta la stagione 2019 di F1 più determinato che mai
 

I piloti RF 1
  • Oggi, Renault F1® Team ha rivelato la livrea e i nomi dei due piloti della formazione 2019: Nico Hülkenberg e Daniel Ricciardo.
  • Le immagini della nuova monoposto 2019, la Renault R.S.19, lasciano intuire gli effetti delle nuove regole sull’assetto aerodinamico.
  • Il propulsore scelto per l’alimentazione della Renault R.S.19 è il ribattezzato Renault E-Tech 19, a confermare una più stretta sinergia con la gamma ibrida di Renault.
  • Renault ha presentato, inoltre, il rinnovato Centro Tecnico di Enstone, nel Regno Unito.
  • Renault F1® Team è fiera di poter contare sul supporto di partner di spicco quali BP Castrol, INFINITI, MAPFRE ed RCI Banque, oltre a Microsoft, EURODATACAR, Bell&Ross, Tmall e molti preziosi partner tecnici.

Oggi, Renault F1® Team ha illustrato nel dettaglio i propri progetti, tesi a rinnovare lo slancio per il nuovo Campionato mondiale di F1. Dal ritorno in pista nel 2016 nel ruolo di costruttore, Renault ha conseguito risultati sempre più importanti a ogni stagione, classificandosi quarta al Campionato Costruttori dello scorso anno. Renault F1® Team ha presentato inoltre ai media e ai partner presenti la propria coppia di piloti, Nico Hülkenberg e Daniel Ricciardo, sottolineando la volontà di Renault di puntare al successo a lungo termine.

 

Jérôme Stoll, presidente di Renault Sport Racing, ha anche confermato il costante impegno di Renault per lo sport: “In Renault siamo mossi da un’autentica passione per gli sport motoristici. La nostra presenza in F1 continua ininterrotta da oltre 40 anni. La Formula 1 è spettacolo, intrattenimento puro, ma è anche lo sport motoristico per eccellenza. Formula 1 è in qualche modo sinonimo di combattività, determinazione, resistenza, ma anche di progresso tecnologico, data l’innovazione illimitata che ispira questo sport. Tuttavia, tutta questa passione deve essere abbinata a una sana dose di realismo. La F1 ha un senso per Renault. È un laboratorio per le tecnologie che verranno utilizzate sulle nostre auto di serie, come sottolinea la nuova denominazione del motore Renault E-Tech 19. È un momento speciale per la F1”.


Dal suo ritorno in F1, tre anni fa, Renault ha investito molto negli stabilimenti di Enstone, nel Regno Unito, e Viry-Châtillon, in Francia. A Enstone, il team ha incrementato significativamente la capacità produttiva ampliando l’ufficio di progettazione e introducendo nuovi macchinari, tra cui due sistemi Breton, una galleria del vento e un banco di prova dinamometrico per scatole del cambio. Dal 2016 il personale è cresciuto di circa il 50%. A Viry, è appena stato avviato il rinnovamento del banco prova che sarà utilizzato nel corso della stagione per lo sviluppo del gruppo propulsore, mentre è iniziato da poco anche un ambizioso programma di sviluppo volto a ospitare nuovi banchi di assemblaggio, reparti collaudo e magazzini automatizzati, il cui completamento è previsto per il prossimo anno.

Renault F1®

Sulla base di queste solide risorse tecniche e umane Cyril Abiteboul, direttore generale di Renault F1® Team, ha posto l’accento sulla determinazione del team nell’affrontare la stagione 2019: “Lanciare tutti questi progetti partecipando al tempo stesso al Campionato è stata una grandissima sfida, così come lo è stato portare a termine gli obiettivi prioritari. L’attuazione di tutti questi progetti è un risultato importantissimo ed è incredibile quanto impegno sia stato profuso per realizzarli. Tutto ciò si traduce anche nel nuovo slancio del team: nono con otto punti nel 2016, sesto con 57 punti nel 2017 e quarto con 122 punti l’anno scorso. Affrontiamo la nuova stagione con l’obiettivo di continuare sulla scia di questa ascesa decisa e costante. Non ci prefiggiamo l’obiettivo di raggiungere una determinata posizione o un numero di punti specifico. Voglio che la scuderia prosegua nella sua traiettoria ascendente fino a raggiungere il livello delle squadre più forti. L’eccellenza del motore sarà la nostra priorità a Viry, mentre la struttura operativa di Enstone sarà impegnata nel migliorare la competitività del telaio, di stagione in stagione”.

 

Abiteboul si è anche espresso sul fattore motivazionale generato dai due piloti del team: “L’accoppiata Daniel-Nico ha infuso nuova fiducia in tutto il team. Penso che la nostra sia una delle coppie più forti, se non la più forte, sulla griglia di partenza. Daniel porta con sé la sua grande esperienza alla guida di un team vincente, mentre Nico è affamato di vittorie. Il suo valore è molto sottostimato. È veloce, determinato e un gran motivatore per tutta la squadra. Già presi singolarmente sono molto forti, ma sono certo che insieme si completeranno alla perfezione. L’energia che hanno portato al team è tangibile e spero che sapremo mettergli in mano una vettura che consenta loro di esprimere tutto il loro talento”.

 

Il 2019 è il terzo anno di Nico Hülkenberg con la scuderia: “Come team siamo cresciuti molto dall’inizio del 2017 e tutto questo era necessario per raggiungere gli obiettivi a lungo termine che ci eravamo prefissati. Quando sono arrivato, l’infrastruttura era ancora giovane. Abbiamo fatto molta strada da allora e conseguito molti risultati. Cerco sempre di dare il meglio per esprimere al massimo il potenziale della scuderia e dell’auto. L’importante è fare un salto in avanti e riuscire a ottenere risultati migliori mantenendo le prestazioni costanti nel tempo. Vogliamo crescere e continuare a svilupparci”.

 

L’australiano Daniel Ricciardo, sette volte vincitore del Gran Premio, è alla sua prima stagione in giallo in compagnia del Renault F1® Team. “Renault vanta un lungo passato negli sport motoristici. È una sfida appassionante fare parte di questa fase del loro percorso in Formula 1. Certo, sono qui per fare bene il mio lavoro in pista e guidare il più velocemente possibile, ma non è solo questo. Vorrei infondere energia alla squadra. Voglio contribuire a motivare tutti, perché fa parte del mio lavoro e anche del mio carattere. Vorrei invogliare il team a dare quel qualcosa in più, a impegnarsi al massimo, a fare squadra. Mi piacerebbe essere un catalizzatore di energia positiva”.

 

Ricciardo vede il 2019 come un nuovo inizio: “Tutto quello che ho imparato nel 2018 mi renderà migliore nel 2019. La differenza sta nella mia maturità. Ora so con maggiore certezza dove sto andando e spero di poterlo dimostrare con i risultati in pista. Sento su di me molta pressione positiva e aspettative e non vedo l’ora di soddisfarle".

 

Con le nuove strutture e i nuovi piloti ad accrescere la fiducia, il 2019 promette di essere un anno interessante, in pista e fuori.