Castrol reinventa il cambio olio con Nexcel

La tecnologia rivoluzionaria che rende i cambi olio rapidi, intelligenti e semplici

Nel 2015 Castrol ha lanciato Nexcel, una nuova tecnologia rivoluzionaria che segna una delle innovazioni più significative del cambio olio nella storia dell’automobilismo.

Le celle dell’olio Nexcel sono unità dalla grande adattabilità, che contengono sia l’olio motore sia il filtro. Quest’olio è stato progettato per ridurre le emissioni di CO2 dal tubo di scarico(1), per migliorare la manutenzione dei veicoli e per incrementare il riciclaggio dell’olio utilizzato nelle auto da strada del futuro.

Per visualizzare questo video devi abilitare Javascript.

Video in caricamento

Aspetta

Nexcel: cos’è?

La supercar Aston Martin Vulcan, pensata esclusivamente per l’uso in pista, è il primo veicolo a sfruttare la tecnologia Nexcel.
Richard Parry-Jones, leader del settore automobilistico e presidente del comitato consultivo di Nexcel, ha dichiarato: “Se guardiamo all’intera storia di Castrol, è una storia di innovazione in cui la scienza è stata utilizzata per migliorare le prestazioni dei lubrificanti ed essere leader del settore. Nexcel rappresenta una delle innovazioni più significative. Offre una soluzione a un problema che è sempre più importante per i fabbricanti e, quando la tecnologia Nexcel diventerà lo standard, ci si chiederà perché mai si siano utilizzate soluzioni diverse in precedenza”.

Quando verrà applicato ai gruppi propulsori della nuova generazione di auto con motori ibridi e a combustione interna, il sistema offrirà ai fabbricanti e agli automobilisti tre principali vantaggi: riduzione della CO2, sostenibilità e manutenzione.

  • Nexcel è stato progettato per ridurre le emissioni di diossido di carbonio (CO2) dal tubo di scarico, assicurando un abbinamento preciso di olio e motore e contribuendo a un riscaldamento più rapido dell’olio.
  • La cella d’olio plug and play può essere inserita ed estratta da sotto il cofano, consentendo di cambiare olio e filtro con un passaggio rapido e pulito che richiede circa 90 secondi. Questo permette agli installatori di offrire opzioni di manutenzione più comode e flessibili ai clienti.
  • In Europa occidentale si stima che oggi fino al 25% dell’olio motore usato non venga raccolto da operatori autorizzati.(2) La cella di olio sigillata Nexcel assicura che l’olio venga raccolto in modo sicuro e possa essere riciclato per produrre oli motore di alta qualità.
Quando la tecnologia Nexcel diventerà lo standard, ci si chiederà perché si siano utilizzati metodi diversi in precedenza.
Richard Parry-Jones, Presidente del comitato consultivo di Nexcel
Sistema Nexcel installato in un motore ibrido plug–in
Il sistema Nexcel è stato testato in un’ampia gamma di motori, da city car molto piccole a potenti motori da corsa all’avanguardia, nelle condizioni più estreme. Ha funzionato in modo ottimale anche in condizioni di frenata estreme fino a 1,8 G, l’equivalente di un veicolo che viaggia a 100 km/h e si ferma completamente in 1,6 secondi. Inoltre, il flusso di olio nel sistema è stato testato fino a 600 litri al minuto, un valore da 10 a 20 volte superiore a quello di un normale motore di autovettura. La cella d’olio Nexus e il relativo supporto sono stati montati in un veicolo ibrido di prova per dimostrarne l’ingombro potenziale in una Toyota Prius a motore ibrido plug-in del 2018.
Il test dell’ultimo sistema di gestione attiva dell’olio motore Nexcel in tre tipi di motore ha dimostrato il potenziale del sistema di ridurre le emissioni di CO2 di 2 g/km. La riduzione avviene assicurando un abbinamento preciso di olio e motore, contribuendo a un riscaldamento più rapido dell’olio e potenziando i componenti attivi dell’olio tra un cambio d’olio e il successivo.

2 g/km rappresenta un utile contributo per i produttori d’auto nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione della CO2 proposti dalla CE per le auto dopo il 2020. I risparmi si accumulano durante tutta la vita utile dell’auto, portando a una riduzione totale equivalente a ridurre il peso dell’auto di un terzo.
(1)  Emissioni di CO2 dal tubo di scarico: basate su NEDC. I vantaggi reali variano in base allo stile di guida, alle condizioni, all’auto e al viaggio.
(2)	“Global Used Oils and Re-refined Lubricants”, Kline 2015