CASTROL INDUSTRIAL LUBRIFICA LE PRESTIGIOSE RUOTE DELLA NASA

Martedì, 22 gennaio 2013 - Quando la sonda Curiosity della NASA (“Curiosity”) ha dato il via alla sua eccitante missione su Marte agli inizi di agosto, un innovativo lubrificante Castrol Industrial, chiamato Castrol Braycote 601 EF, ha dato il suo contributo garantendo il funzionamento fluido e senza strappi delle componenti di Curiosity, dalle ruote alle videocamere.

“Se è una parte mobile, molto probabilmente avrà su di sé il Castrol Braycote 601 EF”, ha affermato Keith Campbell, Business Development Manager per Castrol Industrial Lubricants, il cui staff ha condotto lo sviluppo di questa tecnologia lavorando a stretto contatto con la NASA. “Infatti, il successo della missione del Curiosity dipende in parte anche dal successo di questo grasso, che è stato formulato appositamente per questo programma spaziale per essere in grado di fare bene il suo lavoro a temperature che variano dagli 80 ai 204 gradi Celsius”.

Non è solo la lubrificazione fornita dal prodotto ad essere importante, ma, con la sua caratteristica di ridotto degassamento, Castrol Braycote 601 EF garantisce che i tanti strumenti e componenti sensibili della sonda possano funzionare come richiesto, consentendo a Curiosity di ispezionare Marte, la sua atmosfera e il suo suolo.
“Castrol Braycote 601 EF resiste al fenomeno noto con il termine di ‘degassamento’ ovvero la perdita del grasso stesso per evaporazione, questo significa che gli strumenti funzionano a livelli ottimali anche a temperature estremamente elevate”, ha affermato Campbell.

Il lubrificante viene utilizzato spesso in applicazioni spaziali, inclusi lo Space Shuttle, i satelliti e la Stazione Spaziale Internazionale. Questo è un grasso eccellente per applicazioni spaziali e attività produttive nel vuoto, che resiste a un ampio intervallo di temperature e dovrebbe essere preso in considerazione per qualsiasi applicazione in cui vi siano sostanze chimiche avverse o condizioni ambientali estreme che potrebbero precludere l'uso di un lubrificante comune.

Le applicazioni tipiche includono cuscinetti a sfera e a rulli e come un lubrificante di assemblaggio per O-ring ed elastomeri. “Stiamo lavorando a stretto contatto con la NASA anche per sviluppare altri lubrificanti tecnici che soddisfino le sfide sempre più complesse dell'esplorazione dello spazio”, ha affermato infine Campbell.